marcomm news

Barnes & Noble sceglie l’e-book: al via il grande mercato digitale

In In evidenza, Libri on 4 novembre 2010 at 08:43

Si chiama “Nook Kids” ed è il primo negozio di libri in formato digitale per l’infanzia. Il target della catena americana di retail librario Barnes & Noble, che lo aprirà ufficialmente questa settimana ma solo per il mercato Usa, saranno i bambini fra i 3 e gli 8 anni. Dall’età in cui si comincia a giocare ai primi giochi elettronici interattivi, insomma, fino alla soglia dell’uso del computer e dei social network. All’interno di Nook Kids, ci saranno 12mila titoli, con un palinsesto costruito sui classici eterni, favole e fiabe, fino a testi più complessi, con illustrazioni e multimedialità. L’idea è che utilizzando un apparecchio Nook studiato appositamente (e probabilmente a colori) i bambini possano non solo “giocare” con il testo, ma anche scegliere se leggere o farsi leggere dalla voce registrata del narratore il libro con le fiabe digitali. Il sito NookKids.com, in cui sarà possibile vedere i libri in catalogo, verrà attivato contestualmente, ma già adesso i responsabili di Barnes & Noble, che negli Usa conta 717 negozi e 636 librerie universitarie nei principali college americani, hanno aperto una finestra con alcuni campioni.  Barnes & Noble pianifica di aggredire per prima il mercato elettronico dei libri per l’infanzia, non ancora sfruttato dai grandi del settore: oltre a Barnes & Noble, Borders (seconda catena Usa), e i big come Amazon con Kindle, Apple con iBookstore, Google e Sony fra gli altri.

Barnes & Noble, che nel 2009 ha chiuso l’esercizio fiscale a quota 5,12 miliardi, spera così di acquistare il vantaggio del primo entrato in un’area che negli Usa vale circa 3 miliardi di dollari l’anno, dopo che Amazon ha ipotecato il settore trade, cioè romanzi e saggistica, con il lancio di Kindle tre anni fa. Intanto Amazon ha deciso di modificare il suo approccio al mercato. Tra pochi giorni sarà infatti possibile prestare un libro digitale acquistato su Kindle a un altro utente, per un periodo di tempo limitato (15 giorni) e senza poterlo leggere sul proprio apparecchio per il periodo del prestito, come accade con i libri veri. Il digitale ha il vantaggio che il libro “torna” automaticamente a casa dopo 15 giorni, ma rimane il limite che non è possibile regalare un libro acquistato, che risulta vincolato all’apparecchio e all’identità digitale dell’acquirente. Quest’anno la stagione degli acquisti di Natale, che negli Usa comincia con il “black friday” (il venerdì successivo al giorno del Ringraziamento ovvero il prossimo 26 novembre), sarà dominata dai regali dei lettori digitali. Per i più piccoli ma, secondo gli analisti, anche per le persone anziane o prossime alla pensione. Oltre che per i grandi viaggiatori over-35 (il pubblico originario del Kindle), adesso infatti i lettori digitali sono molto interessanti per le persone che hanno difficoltà a leggere pagine scritte in piccolo, che non vogliono tenere libri pesanti in mano a lungo e che non abbiano facilità a uscire di casa e andare in una libreria.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: