marcomm news

Liguria: libri elettronici gratuiti per gli studenti

In In evidenza, Libri on 16 marzo 2011 at 09:08

Liguria – Libri elettronici al posto dei tradizionali libri di testo cartacei per gli studenti liguri: è questa in sintesi la proposta di legge che il Pdl Liguria ha presentato ufficialmente come “Istituzione di una piattaforma informatica per la realizzazione e l’adozione di libri di testo elettronici”. Obiettivo della legge è garantire agli studenti zaini più leggeri, più scelta didattica e, soprattutto, minori spese per le famiglie che già devono confrontarsi con una pesante crisi economica. Uno scopo ambizioso, ma realizzabile a costi molto bassi dalla Regione Liguria. E il tecnico del ministero Gianni Boccheri assicura che rientra a pieno titolo nel piano nazionale varato dal ministero della Pubblica istruzione che prevede l’adozione obbligatoria da parte delle scuole già a partire dal prossimo anno scolastico 2011–2012 dei libri disponibili in formato elettronico o misto.

«Questa proposta di legge, se accolta, farebbe della Regione Liguria la prima in Italia a consentire agli studenti di studiare su libri elettronici», ha detto Roberta Gasco, firmataria della legge che precisa: «Già nel 2007 avevo presentato un progetto di legge, allora era considerato rivoluzionario, e che venne parzialmente recepito nel piano regionale della formazione. Oggi, quella che quattro anni fa sembrava difficilmente realizzabile, è una proposta concreta: i libri elettronici si diffondono e rappresentano uno strumento innovativo fondamentale. Abbiamo modificato la legge, semplificandola ulteriormente. Ci auguriamo che la Regione questa volta sia più coraggiosa». Un appello, dunque, alla maggioranza affinché non rigetti la proposta, ma che la accolga e lavori per trasformarla in legge in tempi brevi.

«La legge consentirebbe un bel risparmio alle famiglie. «Basti pensare – aggiunge Marco Scajola – che nelle voci di spesa a carico delle famiglie per quanto riguarda il materiale scolastico la percentuale per l’acquisto dei libri, sul costo totale rappresenta il 3,3% alle scuole elementari, il 58,8% alle medie mentre alle superiori è del 57,6%. Se a questo si aggiunge il costo per l’acquisto di dizionari che per le medie è del 9,7% mentre per le superiori è dell’11,7% si capisce chiaramente quanto questa proposta possa portare ad un risparmio effettivo alle famiglie».

Il tecnico del ministero Gianni Boccheri ha ricordato c il programma di informatizzazione della scuola italiana sta andando avanti e che nel nostro paese sono già state installate 25.225 lavagne multimediali interattive utilizzate da almeno 500 mila studenti: «Vogliamo creare un nuovo ambiente di apprendimento – ha detto – la classe 2.0, cambiando la concezione di scuola. I contributi a livello regionale sono molto importanti».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: