marcomm news

Posts Tagged ‘IVA ebook’

Sull’Iva degli eBook

In In evidenza, Mercato e Trend, Varie on 7 luglio 2012 at 11:47

Francia e Lussemburgo hanno dunque provato a forzare lamano e sono incappati in una infrazione europea: questi paesi vevano abbassato l’imposta sugli ebook equiparandola (all’incirca) a quella dei libri cartacei, ma questo, nel vecchio continente che ancora non ha deciso cosa fare in merito, è illecito. Per il momento in Europa i libri hanno un valore culturale soltanto se sono fisici e godono di una imposta ridotta (in Italia il 4%) rispetto a quella dei libri elettronici. Ma quanto durerà?

La questione è nota: il mercato degli ebook è in grande espansione, ma i diversi interessi di editori, distributori, nuovi soggetti come Amazon e Apple, stanno cozzando dentro un’area, dal punto di commerciale, che fatica a mantenere il passo. Le norme comunitarie privilegiano un trattamento di forte disparità fiscale tra le due versioni, ma quando Francia e Lussemburgo si sono accorte di avere sul loro suolo le basi operative di Amazon hanno abbassato l’Iva rispettivamente dal 19 al 7% e al 3%.Il commento europeo alla notifica di infrazione non potrebbe essere più chiaro: Leggi il seguito di questo post »

eBook e IVA

In In evidenza, Mercato e Trend on 3 febbraio 2012 at 13:45

Promozione del libro e della lettura, tutela del diritto d’autore, sostegno allo sviluppo dell’editoria digitale: sono queste le priorità illustrate dal presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo al nuovo Sottosegretario all’Editoria Paolo Peluffo nel corso di un’audizione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“Siamo soddisfatti – ha commentato il presidente Polillo -. Il Sottosegretario Peluffo ci ha confermato la massima attenzione al tema della promozione della lettura in Italia e ha ribadito la centralità del nostro settore per la sua funzione strategica nello sviluppo culturale, sociale ed economico del Paese”.

Al centro del confronto, anche i temi più complessi dell’editoria libraria: dalla tutela del diritto d’autore all’iva sugli ebook: “Abbiamo convenuto – ha proseguito Polillo – di incontrarci nuovamente a breve per affrontare in modo più approfondito i diversi temi, valutare insieme i passi necessari per lo sviluppo del settore e individuare azioni mirate alla crescita della lettura in Italia”.

In Francia eBook a prezzo unico e Iva al 5,5%

In In evidenza, Mercato e Trend on 22 febbraio 2011 at 10:39

L’Assemblea nazionale francese ha adottato una proposta di legge dell’Ump che fissa un prezzo unico per gli eBook come già avviene per i libri stampati. Il testo ha già avuto il via libera dal senato.

La Finanziaria ha inoltre stabilito che a partire dal 1° gennaio 2012 agli eBook verrà applicata un’Iva del 5,5%.

La particolarità del provvedimento è che, però, il prezzo unico non potrà essere applicato alle grandi piattaforme online di distribuzione estere e questo ha sollevato la protesta degli editori francesi.

Il Sindacato dei distributori di entertainment culturale e la Fnac ritengono che le nuove disposizioni potrebbero generare comportamenti sleali da parte delle web company come Amazon, Apple e Google che potrebbero offrire gli stessi prodotti a prezzi più bassi.

Alexandre Bompard, Ceo della Fnac, ha dichiarato senza mezzi termini che così facendo si aprirà “la via al dumping culturale”.

L’anno buono per gli eBook?

In In evidenza, Varie on 25 agosto 2010 at 08:19

Mentre aumenta la disponibilità di reader sul mercato, distributori e case editrici più o meno grandi si stanno muovendo per adeguare l’offerta di eBook in italiano. Nel frattempo però l’IVA sugli eBook rimane del 20%, contro il 4% dei libri cartacei. I puristi, nel guardare gli eBook reader, ancora storcono il naso e giurano che della carta stampata non faranno mai a meno. Eppure, tra scetticismi e false partenze, il 2010 sembra essere proprio l’anno giusto per il lancio degli eBook in Italia, complice anche la sempre più ricca offerta di lettori validi e di agevole lettura, dal celebre Kindle di Amazon all’iPad di Apple, passando per tutta una pletora di concorrenti (se cercate un giusto compromesso tra qualità e prezzo, provate con il Cybook Opus di Booken). Un primo segnale del cambiamento in corso è arrivato dalla notizia che quest’anno, per la prima volta, su Amazon sono stati venduti più libri digitali che cartacei. Distributori e case editrici più o meno grandi hanno colto questo fermento e hanno deciso di darsi da fare per cavalcare l’onda lunga dello tsunami che (forse) sta per investire il settore, o quantomeno hanno pensato di adeguarsi per non rimanere indietro nel caso effettivamente gli eBook prendano il largo.

Dati AIE sull’eBook in Italia

In Mercato e Trend on 29 luglio 2010 at 12:39

In Italia, secondo una indagine condotta dall’Ufficio studi di AIE nel dicembre scorso, il 7,5% dichiara di aver già comprato (o di accingersi a farlo) un eBook. Un altro 5,8% aspetta solo un maggior numero di titoli in italiano e, ancora, un altro 2,8% la possibilità di leggersi sullo schermo dei best seller. E il 27% solo la discesa del prezzo degli eReader. Un mercato in grande fermento, dunque, che registra l’interesse crescente di lettori e addetti ai lavori. Al momento è anche in corso una campagna nazionale per la riduzione dell’IVA degli ebook, dall’attuale 20% (del software) al 4% (dei libri cartacei). Lo scopo della petizione che ha preso il via ufficiale lo scorso 19 luglio, è quello di fare pressione su tutti i 945 parlamentari nazionali e i 78 europarlamentari italiani, invitati a sottoscrivere l’appello, affinché un’opera letteraria non si trasformi né cambi valore se scaricata dalla Rete o presentata stampata in tipografia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: